Campagna Promossa da Amnesty International Italia

Print Friendly, PDF & Email

“VERITÀ PER GIULIO REGENI”

Il 25 gennaio 2016 scompariva a Il Cairo, in Egitto, Giulio Regeni, un ricercatore italiano presso l’università di Cambridge. Giulio aveva 28 anni e si trovava in Egitto per svolgere un’attività di ricerca. È stato ritrovato il 3 febbraio del 2016 senza vita e con evidenti segni di tortura. Malgrado un’iniziale, generica disponibilità a collaborare da parte del governo egiziano, dopo quattro anni ancora non sono noti i nomi di chi ha ordinato, di chi ha eseguito, di chi ha coperto e ancora copre il sequestro, la tortura e l’omicidio di Giulio.

L’Istituto Antonietti aderisce alla campagna promossa da Amnesty International Italia per chiedere #veritapergiulioregeni, esponendo lo striscione giallo, divenuto in questi quattro anni il simbolo della lotta per ottenere giustizia, a nome di Giulio, dei suoi genitori e di tutti i cittadini italiani.

La scuola ha partecipato, inoltre, all’iniziativa del 25 gennaio 2020, aderendo a “Foto azione”, che ha coinvolto centinaia di istituti scolastici in tutta Italia. Le foto della nostra scuola*, con lo striscione dedicato a Giulio, sono state inserite in una gallery sul sito internet nazionale di Amnesty.

Oltre a sostenere la battaglia della famiglia di Giulio per la verità, l’iniziativa rappresenta anche un’occasione per approfondire una vicenda che rimanda al più generale problema della negazione dei diritti umani in molte parti del mondo.

 

Risorse per approfondire:

La vicenda sul sito di Amnesty: https://www.amnesty.it/giulio-regeni-ultime-notizie-aggiornate/

Le foto dalle scuole: #4annisenzaGiulio

Per firmare la petizione: #VeritaperGiulioRegeni

L’appello dei genitori: https://www.facebook.com/chetempochefa/videos/la-lettera-di-claudioregeni-ad-al-sisi/2594864933896411/

 

25.01.2020 – Le foto della nostra scuola

 

* © photo Giorgia Archetti

Questo contenuto ti è stato utile?

Hai suggerimenti per migliorarci?